Stampa pagina
SALUTO DEL DIRETTORE
Benvenuti alla Scuola di Dottorato del Politecnico di Torino o ScuDo, come amiamo chiamarla in acronimo!     

ScuDo rappresenta il cuore pulsante di questo nostro Ateneo, sia in termini di formazione di alto livello che di ricerca scientifica e tecnologica di elevato profilo, sviluppata nei dipartimenti e nei centri, ben collocata nel panorama dell’innovazione promossa dal mondo accademico, nazionale e internazionale, e strettamente connessa alle esigenze di un territorio, da regionale a mondiale, in rapida evoluzione tecnologica.   

E’ una vera comunità scientifica e tecnologica, dove si intrecciano le esperienze di Voi, studenti di dottorato di ricerca, dei Vostri tutori e dei gruppi di ricerca, ai quali afferiscono, nelle realtà dipartimentali delle aree di Architettura e di Ingegneria del nostro Ateneo, dei Centri Interdipartimentali, di recente costituzione, ma anche quelle dei molti interlocutori professionali, industriali e del mondo del lavoro e della ricerca, che costituiscono il nostro panorama di riferimento e di collaborazione quotidiano, per uno sviluppo coerente con le contingenti esigenze della tecnica e sociali.    

Come Scuola di formazione di terzo livello, che segue i pregressi percorsi di laurea e di laurea magistrale, incentra la sua attività sullo sviluppo del dottorando, nel percorso di formazione che mira a trasmettere metodi, processi, strumenti e linguaggi della ricerca scientifica, di base e applicata, per acquisire le competenze necessarie a chi domani sarà responsabile di un’attività di ricerca, sviluppo e innovazione. Include, inoltre, la Scuola di Specializzazione in Beni Architettonici e Paesaggistici che, insieme a poche altre riconosciute a livello nazionale, completa e impreziosisce l’offerta formativa.   

Nel contempo, ScuDo è uno spazio di condivisione e di confronto tra gruppi di ricerca, interni e afferenti ad altri Atenei, anche internazionali, con i quali si stanno intensificando e strutturando accordi di scambio e di collaborazione, che portano molti di Voi dottorandi ad esperienze all’estero gratificanti, così come con il mondo professionale e industriale, grazie all’efficace azione di partnership e di interlocuzione promossa dall’Ateneo, con il quale si progettano sempre più percorsi condivisi di formazione e di ricerca, per incrementare lo scenario delle opportunità di sviluppo personale dei dottorandi e degli specializzandi, e di impiego sapiente in profili professionali dedicati.   

ScuDo sta raggiungendo una fase di maturità nella quale, oltre ad un consolidamento della struttura, si persegue l’opera di potenziamento, grazie anche al coinvolgimento della comunità degli Ex–Allievi di questa Scuola, che sono ormai numerosi e attivi in imprese di successo, che hanno fondato e, con ruoli prestigiosi, in centri di ricerca internazionali, nell'Accademia, nell’Industria, nella Pubblica Amministrazione e negli Enti culturali.   

Cresce il ruolo che ScuDo sta assumendo come polo di attrazione per i Paesi stranieri, specialmente alcuni in via di sviluppo, per il contributo alla formazione dei loro migliori talenti, inteso a rafforzare la loro classe dirigente, per le sfide della globalizzazione, arricchendo la nostra comunità dell’esperienza personale di molti di Voi, di nazionalità estera.   

A fronte di una rigorosa selezione dei candidati e di una valutazione del loro lavoro in linea con la prassi europea, che prevede il coinvolgimento di valutatori esterni, esperti e identificati nello scenario internazionale di riferimento, per ogni programma di dottorato, i percorsi di ScuDo forniscono un titolo, ampiamente qualificato e riconosciuto, e la possibilità di un’immissione diffusa nel mondo del lavoro e dell’università.     

ScuDo, come dice il nostro motto, è il miglior partner per lo sviluppo del Vostro talento (“what you are”) e per proiettarvi in un percorso di crescita personale, professionale e sociale (“takes you far”) !   

                                                                                                                                                                                         Eugenio Brusa