Dottorato in
Architettura. Storia e progetto
Presentazione
Il dottorato indaga la complessità delle culture architettoniche a partire dall'intreccio tra storia e progetto, già nel 1983 indicato da Roberto Gabetti come elemento caratterizzante della scuola torinese, cui fanno riferimento due tradizioni culturali di studi e ricerche di terzo livello che hanno dialogato tra loro per oltre un ventennio.

Da un lato, composizione e tecnologia dell’architettura privilegiano un'interpretazione del progetto come strumento attraverso cui misurare stratificazioni dell'elaborazione teorica, innovazioni delle tecniche e modificazioni dei paesaggi costruiti. 
Dall'altro, le discipline storiche per l'architettura e la città, lontano da una visione localistica e grazie alla cooperazione con altre storie (economiche, sociali, artistiche), tracciano sentieri percorribili sia da architetti e urbanisti, sia da altri studiosi attivi nelle scienze umane. 
Pur conservando le proprie specificità disciplinari, le due filiere di studi interpretano, in maniera condivisa, la costruzione di città e territorio come esito di stratificazioni complesse, nel tempo e nello spazio. Un altro elemento caratterizzante è la spinta verso una internazionalizzazione della formazione di terzo livello, fondata sull'ampia rete progetti scientifici stabiliti dai componenti del collegio, che diviene fondamentale sia nella definizione di strategie nuove in campo architettonico e urbano, sia per affrontare le sfide professionali e lavorative che ne derivano.